I #terremotati devono pagarsi il #pranzo se vogliono andare in visita dal #Papa

In queste ore dopo la pubblicazione dell’articolo del quotidiano Il Giornale è emerso chiaramente che:
– i soldi raccolti con gli SMS sono letteralmente scomparsi, tanto che i terremotati sono costretti a pagarsi il caffè nei campi;
– la sensibilità della Chiesa verso le vittime colpite dal sisma è pari a zero, tanto che i terremotati saranno costretti ad andare dal Papa pagandosi il pranzo.
L’Italia della vergogna non ha limiti e confini !

La pioggia battente non lascia scampo e le tende non reggono più l’acqua. I responsabili del campo sfollati hanno provveduto a coprirle con dei teli impermeabili, ma non basta. E così la Diocesi ha pensato di alleviare il dolore di molti organizzando un pellegrinaggio in Vaticano. Bello: peccato che i terremotati debbano pagarsi il pranzo. Un secondo “scandalo” dopo il caffè a pagamento con cui gli sfollati si pagavano gli aiuti a loro stessi.

Il pellegrinaggio dal papa dei terremotati
L’avviso è apparso appeso al tendone del Comune e comunica alla cittadinanza che il 28 settembre si potrà andare a Roma all’udienza del Papa. Il viaggio è gratuito, ma al pranzo devono pensare i terremotati. Che però non hanno una casa, né molti soldi per portarsi il “pranzo al sacco”. Senza contare che in paese non è rimasto in piedi nemmeno un negozio o un supermarket per comprarsi due fette di salame e una pagnotta.

“Per mercoledì 28 è stato organizzato un pellegrinaggio diocesano a Roma per l’udienza del mercoledì del Papa con partenza e rientro in giornata – si legge nell’avviso reso noto da Libero – Il viaggio è gratuito ma con pranzo al sacco a carico dei partecipanti”.

Ma i terremotati, probabilmente, rimarranno a digiuno.

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Pubblicità

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi