A San Pietroburgo #Renzi dimentica l’#agroalimentare italiano. Le brutte figure non mancano

Che al Presidente del Consiglio Matteo Renzi non interessasse nulla dell’agricoltura e dell’agroalimentare lo avevamo capito da tempo ma non immaginavamo che la memoria si nebulizzasse perfino a San Pietroburgo.
Tra una chat e l’altra in conferenza stampa, tra un pennichella e l’altra, ci si accorge che nella delegazione di imprenditori al seguito dell’ufficio di presidenza mancano i rappresentanti dell’agroalimentare italiano. Sicuramente non saremo così importanti come gli amici dell’Eni ma abbiamo la vaga certezza che il popolo russo preferisca degustare le nostre eccellenze. Dov’erano Moncalvo e Gesmundo? E le altre sindacali? Nessuno rileva e segnala questa mancanza per non alterare la sudditanza al politico del momento (almeno fino ad ottobre!).
I veri politici avrebbero avuto un sussulto di vergogna davanti all’evidenza del proprio menefreghismo; a loro nulla interessa del lavoro e dei sacrifici giornalieri altrui, basta mantenere i propri interessi ed i propri obbiettivi.
Questa la chiamereste lungimiranza o ignoranza?

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Pubblicità

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi