Roma- Dopo Amatrice con la sua ricetta dell’Amatriciana, un’altra capitale della cucina italiana dovrà rinascere dalle macerie per continuare una tradizione secolare di genuinità. Norcia (Perugia), famosa in tutta Italia e all’estero per San Benedetto, i salumi, i tartufi e per l’accostamento sacro e gastronomia, è costretta a risollevarsi dalla tragedia sismica avvenuta nel Centro Italia a distanza di un mese dalla precedente accaduta il 24 agosto. Norcia, patria della norcineria, può vantare il suo Prosciutto Igp e il suo pregiato tartufo nero

Intanto le organizzazioni agricole fanno i conti dei danni accusati nei territori di Lazio, Marche, Umbria. Ad oggi sarebbero 3mila le aziende del tessuto agricolo e agroalimentare delle zone terremotate duramente provate dall’evento. Salve le famose lenticchie di Castelluccio, il tradizionale legume che accompagna le festività di fine anno quale segno augurale di prosperità e fortuna. Il raccolto della specialità umbra a indicazione geografica protetta si è svolto come, previsto dal disciplinare di produzione, entro il mese di agosto. Vengono prodotte un milione e 600mila chilogrammi.

agroalimentarenews

Pubblicità

Condividi su