#Canapa: Coltivare e #guadagnare si può

Vogliamo portare il nostro contributo di visibilità a questo interessantissimo studio di fattibilità, completo di Business Plan sintetico sulla coltivazione della Canapa.

Brevemente Vi riportiamo un estratto della normativa che regolamenta la coltivazione, che ritroverete ovviamente nell’articolo qui sotto allegato:

Quali sono le normative vigenti e gli adempimenti da osservare?

Siamo ancora in attesa di una legge quadro che dia certezze. Al momento si fa riferimento alla circolare del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali del 1997, integrata della circolare nr. 1 dell’ 8 maggio 2002, oltre che ai regolamenti comunitari 953 del 2006 e 507 del 2008.
– La coltivazione deve essere inserita nella denuncia PAC.
– Deve essere seminata canapa di una cultivar compresa nell’elenco europeo delle varietà con tenore di THC inferiore allo 0,2%, certificata dal cartellino rilasciato dall’ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette).
– All’emergenza delle piante, si deve dare comunicazione alla più vicina stazione delle Forze dell’Ordine.
– Il quantitativo di seme impiegato non deve essere inferiore ai 35 kg per ettaro.
– L’agricoltore deve avere stipulato contratto di coltivazione con un primo trasformatore autorizzato.
– La resa in bacchetta secca ottenuta non deve essere inferiore ai 15 q.li per ettaro.

Vi invitiamo quindi alla lettura dell’articolo di ‘QualeColtura’ e di trarre le Vostre conclusioni, a noi pare una buona occasione di fare ancora business in questo travagliato mercato.

Fonte articolo: Quale Coltura

Mauro Cappuccio
Segretario Generale
Insieme per la Terra

Pubblicità

Informazioni su Mauro Cappuccio

Segretario Generale Insieme per la Terra
Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi