I fischi sommergono la #Coldiretti. Gli associati voteranno “NO” al referendum

Lo scollamento tra la base e la dirigenza del più grande sindacato agricolo italiano era nota da anni, ma quello che si è consumato ieri è sicuramente un importante capitolo della decadenza del popolo giallo.
Cosa vuol dire quella frase pronunciata dal Segretario Generale Vincenzo Gesmundo “non c’è dietro nessuna partita di scambio” ? Ma la dirigenza pensa davvero che noi agricoltori crediamo a tutto quello che ci raccontano ? Mentre gli operatori del primario attendevano risposte concrete relativamente all’importazione indiscriminata di materia prima dall’estero, sul prezzo dei prodotti, sulla concentrazione dell’offerta, sulla ricerca, sulla valorizzazione qualitativa e gastronomica, …, la dirigenza Coldiretti, il Ministro Martina ed il Presidente Renzi si sono occupati di fare selfie e di raccontare le solite “barzellette” degne dei migliori teatri nazionali.
Cara Direzione, Caro Martina, Caro Renzi, mi sa che vi siete persi qualcosa …


Sono piovuti fischi dalla platea della Coldiretti, riunita al Mandela Forum per un incontro a cui hanno presenziato anche il premier Matteo Renzi e il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina, quando il segretario generale Vincenzo Gesmundo ha annunciato l’appoggio dell’associazione dei coltivatori al Sì al referendum costituzionale di dicembre. “Siamo venuti qui per parlare di agricoltura, non del referendum: io voto No“, ha detto uno dei contestatori.

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Fonte: Grande Cocomero

Pubblicità

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi