Latte: tra i due litiganti, #Parmalat gode

Mentre i nostri allevatori vengono derubati del proprio sudore dai sindacalisti di turno e dai politici che nulla conoscono del primario, la multinazionale Parmalat incrementa i suoi profitti. Grazie a una labile concorrenza in terra friulana e a pagamenti “contenuti” del latte agli allevatori, gli affari dell’azienda francese vanno a gonfie e vele. 

UDINE. Il prezzo del latte remunerato alla stalla resta pesantemente inferiore al costo di produzione per gli allevatori del Friuli Venezia Giulia. Avanti di questo passo comporterà la scomparsa di altri piccoli produttori che all’80 per cento sono oggi già fuori mercato. L’allarme arriva dai consigliere regionali che della crisi del latte, più accentuata in Fvg che altrove, hanno discusso ieri con l’assessore all’Agricoltura Cristiano Shaurli.
È stato l’esponente del gruppo Misto Claudio Violino, a mettere sul tavolo le principali criticità che affliggono il comparto: dalla mancanza di un punto di riferimento per una efficace politica del latte al fatto che non ci sia un coordinamento che possa portare il prezzo del latte locale al pari con quello delle altre regioni. Una vera e propria impresa, visto lo scossone dopo le quote latte imposte dall’Ue.
«In Europa c’è una sovra-produzione del 110% – ha sottolineato ieri Shaurli – a fronte di un calo della domanda e in questo senario il prezzo del latte italiano è il più alto di tutti. Il latte francese, ad esempio, costa molto meno e la Baviera lo vende a 29 centesimi al litro perché riesce a contenere il costo di produzione a 25». Costo che per in Fvg schizza invece in media attorno ai 36 centesimi contro un prezzo pagato alla stalla di appena 33, massimo 35 centesimi al litro più Iva e nel migliore dei casi qualità. Insomma, a chi va bene, il saldo è positivo di pochi centesimi. A chi invece va male il costo di produzione non viene nemmeno coperto.
«In regione abbiamo prezzi superiori alla Lombardia – ha aggiunto Shaurli –, che da sola produce il 40% del latte italiano, e una posizione geografica che ci espone a una facile importazione di latte da oltre confini. Anche se negli ultimi mesi c’è stata una crescita del prezzo del latte, ciò non allontana il problema e sarebbe ingenuo pensare che tutto si risolverà al meglio.
Un beneficio potremo averlo dall’ormai imminente introduzione anche in Italia (dopo la Francia) dell’etichetta azzurra che riporta la tracciabilità del prodotto, ma bisognerà lavorare su diversi fronti, a partire dalla percentuale di trasformazione che da noi è molto bassa: trasformiamo a Montasio il 19% del prodotto quando in Veneto va a Dop ben l’80». In tal senso la Regione in stretta collaborazione con il Consorzio di tutela del Montasio si è già attivata finanziando – con 1,4 milioni – un piano di promozione e comunicazione che muoverà i primi passi proprio quest’anno.
Obiettivo: aumentare i consumi, dare valore al comparto e far decollare la Dop oltre confine.
Riaccesi i riflettori sull’argomento, che da anni torna a intervalli regolari all’attenzione delle istituzioni, i consiglieri hanno congedato ieri l’assessore prendendosi l’impegno di programmare una serie di audizioni a breve per avere un quadro il più completo possibile della situazione e costituire poi un tavolo che possa lavorare sui punti critici messi a fuoco. Shaurli ha le idee chiare su quali debbano essere le direttrici dell’azione regionale: fare massa critica, lavorare sulla capacità di trasformazione, ragionare in termini di filiera e studiare bene le quote produttive.

Cosa propone la politica? Nulla, tranne che per le solite chiacchiere da rispolverare ogni tanto, giusto per far vedere che si è sul pezzo. Che futuro potrà mai esserci per gli allevamenti friulani con questi tipi di prezzi ? Non so voi, ma direi che è molto più importante tutelare il lavoro ed il territorio locale piuttosto che correre a sostenere, direttamente e/o indirettamente, aziende straniere.

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Pubblicità

Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi