Considerazioni per un corretto supporto immunitario

 

Ogni volta che avviene il cambio di stagione, delle temperature e della durata o intensità della luce solare il nostro corpo è sottoposto a modifiche dettate dall’adattamento.
Questo adattamento può generare stress, minimo per chi ha un buon sistema immunitario, o importante per chi ha difese un po’ al limite.
Con l’inizio delle temperature basse e con il perdurare della stagione fredda e con poca luce, il nostro corpo può manifestare situazioni immunodepressive, ecco perché è importante avere sempre un buon livello di difese, dalle fasce pediatriche agli adulti, agli anziani.
In primis la nostra flora intestinale deve essere efficiente e ben bilanciata affinchè la salute sia sempre difesa anche con i minimi disturbi, del resto si sa che in condizioni di stress ripetuti o importanti, che siano di origine fisica, emotiva o mentale, il nostro corpo viene debilitato perché messo davvero a dura prova.

A livello tissutale con il freddo l’acqua, contenuta nel nostro corpo, migra dalle zone più connettivali (esterne) a quelle più interne e viscerali, l’irrorazione sanguigna diminuisce nella parti periferiche tra cui anche le vie aeree come naso e gola e questo implica una minore attività cellulare.
Questa situazione genera quindi spazi in cui germi patogeni si insinuano maggiormente, come il rhinovirus che colpisce frequentemente.

Come possiamo contrastare a livello locale questa debolezza delle mucose?
Entrano in supporto: Astragalo, Whitamnia, Vitamina C, Zinco, Manganese, Eleuterococco, Rhodiola, Echinacea, Sambuco, Rosa canina, Acerola, Pappa reale o polline, Miele di manuka, Drosera, Grindelia… insomma la natura sapiente supporta la stagione con piante e rimedi più utili.
In cucina non devono mancare i beta-glucani, presenti in alimenti come crusca e avena che aiutano a modulare dolcemente il sistema immunitario (oltre ad altre funzioni) e tengono lontane sostanze estranee aumentando l’attività dei fagociti, anche aglio e cipolle sono molto utili perché immunostimolanti per la nostra salute sia dal unto di vista alimentare, quindi nei nostri piatti, sia per utilizzo in casa: una cipolla tagliata a metà e messa negli ambienti in cui soggiorniamo maggiormente, ma anche in camera da letto, può aiutare ad assorbire tutti i batteri che convivono negli ambienti quando abbiamo raffreddore e influenza, una volta appassita la possiamo buttare via.

Un grandissimo supporto è dato dalle vitamine di stagione, nella frutta e verdura, che non possono mancare quotidianamente: agrumi con spremute fin dalla colazione del mattino o negli spuntini, kiwi, frutta secca come le noci, verdure come cavoli, cavoletti, verze etc.. ricchissimi di vitamina c, finocchi; la fibra e le vitamine devono essere i protagonisti della stagione fredda!

Anche il movimento all’aria aperta, nonostante la temperatura, può aiutarci a rinforzare tutto il nostro sistema immunitario e respiratorio.

Dedichiamoci anche delle coccole di calore come cuscinetti di sale caldo che possiamo posizionare sulle spalle se indolenzite e contratte dal freddo, o sulla fronte e petto se siamo raffreddati e pieni di catarro, o sulla pancia se sentiamo freddo in questa zona e desideriamo tenerci al caldo, il sale oltre all’azione del calore in questo caso, attira a sé l’acqua e l’infiammazione dei tessuti e smuove il muco.

Risvegliamo il nostro benessere con tono ed energia!

Francesca Perego
Naturopata Insieme per la Terra

Pubblicità

Condividi su