La Camusso e Poletti potrebbero essere la coppia del nuovo millennio, sono riusciti in 2 a fare più danni di quanti ne ha fatto Renzi con l’inutile (per l’Italia e gli italiani ovviamente, ma non per gli industriali) Jobs Act.

Fino a ieri c’era un sistema che permetteva alle aziende (ma non solo) di prendere le persone per un periodo limitato di tempo, pagarle il giusto, in regola e senza creare ulteriore sommerso. Oggi la Camusso ha ottenuto la più perdente vittoria che poteva ottenere. E’ riuscita a togliere lavoro regolare e creare nuovo lavoro nero, di questo ne può essere orgogliosa.

Poteva esserci una regolarizzazione migliore dei Voucher, ma c’era il muro eretto da Poletti che, pressato dai “sempre più inutili” sindacati dovevano fare una dimostrazione di forza, per forza! O così o si fa il referendum! Dovevano dimostrare che le tessere pagate servono a qualcosa oltre che a retribuire i tanti dirigenti, ora però ci chiediamo una cosa: perchè?

Perchè questo non è lavoro stabile? Rispondiamo così: Siamo certi che in questo modo verranno assunte più persone a tempo determinato o indeterminato? Secondo noi no, prendiamo un esempio piccolo ma che aderisce perfettamente: Colf, badanti, pulizie, piccoli lavori salutari per il quale assumere non sarebbe valsa la pena, tipo per 2 o 3 mesi, senza contare che spesso queste funzioni sono richieste da famiglie, le quali non vogliono “assumere” a tempo determinato, ma magari regolarizzare con un pagamento burocraticamente ed economicamente più leggero. Scusate se lo scrivo, ma secondo me, ora piuttosto che dar 200 euro di compenso in regola con i voucher, gliene daranno 160 in nero e siamo a posto così…

Pensate al danno (anche erariale) del lavoro agricolo, pensate che a settembre erano tutti felici per la nuova legge sul caporalato, oggi dovevano fare in modo che metà di quel lavoro andasse a ramengo, se no sarebbero stati troppo bravi, non credete? Allora ridiamo ai caporali un pò di lavoro, ridiamo al nero ciò che era nero. Togliamo i voucher, così faremo pagare meno ed esentasse.

Rifaccio la domanda: perchè? Perchè abbiamo perso un’altra doppia possibilità di togliere alle mafie ed al sommerso, per darlo allo Stato ed ai cittadini?

E’ proprio vero che non s’è capito il senso della cosa, forse davvero la politica è troppo distante dalla vita reale, perfino Confindustria s’è lamentata!
Ora al TG parlavano di fare qualcosa per recuperare il lavoro temporaneo, quello stagionale e quello saltuario, magari penseranno a dei titoli al portatore, un pò come dei… voucher!

P.S. avete fatto caso a quale urgenza è stata messa in campo pur di evitare di farci votare? Attenzione che sta diventando una malsana abitudine…

Bah…

Mauro Cappuccio
Segretario Generale
Insieme per la Terra

Pubblicità

Condividi su