Il #Governo non approva il Decreto per aiutare i #terremotati del Centro-Italia

Alle chiacchiere del Governo e del nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi siamo purtroppo oramai abituati ma ieri sera abbiamo superato il limite dell’indecenza.
Indipendentemente dalle notizie uscite dalla conferenza stampa del nostro Premier, la realtà dei fatti parla di totale mancanza di rispetto dei cittadini italiani colpiti da questo tremendo fenomeno naturale.
Il Governo non ha deliberato un decreto copia – incolla del DL 74 del 2012 approvato subito dopo il sisma emiliano. Questo decreto, poi convertito in legge, permetteva non solo il blocco automatico del pagamento delle rate di ogni finanziamento bancario (mutui, chirografari, improtestabilità cambiaria) ma anche il blocco del pagamento delle tasse, il blocco del pagamento delle forniture elettriche e di gas, il blocco di tutti i procedimenti giudiziari ad eccezione ovviamente di quelli di particolare gravità.
Nel Decreto Legge 74 si parlava di un blocco assai contenuto incompatibile con i tempi tecnici di una normale ricostruzione; è quindi assodata la necessità di un periodo di almeno tre anni, con possibilità di revisione, per un’adeguata sospensione di tutti i termini.
Perché il Governo ha fatto un passo indietro? Sarà per non disturbare gli amici bancari?
L’unica cosa certa è che ora per i nostri terremotati è iniziato un vero e proprio calvario.

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Pubblicità

Taggato , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi