Sappiamo che il freddo non è amico dei dolori, soprattutto quelli articolari e muscolari, ma cosa possiamo fare nella nostra routine quotidiana per aiutarci?

Scopriamo insieme i CIBI particolarmente amici delle ARTICOLAZIONI:
Olio extravergine di oliva, ricco di vitamina E, acidi grassi monoinsaturi e polifenoli, è un alimento protettivo che aiuta a ridurre l’infiammazione articolare. Solitamente consigliati 5 cucchiaini totali al giorno per circa 25 grammi, distribuiti nei pasti della giornata.

Pesce (almeno 3 volte a settimana) e frutta secca a guscio (3 noci ogni giorno), i semi etc.. alimenti ricchi di acidi grassi omega 3 (polinsaturi) rappresentano un valido aiuto naturale per contrastare le infiammazioni. I semi così come la frutta a guscio sono pratici e si possono aggiungere a frullati di frutta, yogurt, insalate, ma anche a pietanze calde come creme e vellutate.

Latte e latticini magri, senza però eccedere, per il contenuto in calcio, zinco, selenio e vitamine A e B antinfiammatorie.  

Zenzero e curcuma sono spezie in grado di favorire l’eliminazione di tossine e di inibire degli enzimi coinvolti negli stati infiammatori, si possono utilizzare sotto forma di tisana o per insaporire primi e secondi piatti, così come le erbe aromatiche (basilico, rosmarino, prezzemolo) ma anche aglio e cipolla che apportano grandi quantità di antiossidanti, che prevengono l’invecchiamento precoce anche delle articolazioni.

Vegetali, in particolare quelli appartenenti alla famiglia delle crucifere (cavoli, broccoli, ravanelli, rucola…) e i vegetali a foglia verde scuro, come gli spinaci, contengono una buona dose di minerali alcalinizzanti in grado di riequilibrare il ph dell’organismo e prevenire o ridurre l’acidosi, fattore chiave nelle infiammazioni. Frutta e verdura dovrebbero essere consumate crude o cotte con qualche precauzione per mantenere le caratteristiche nutrizionali, in particolare la vitamina C che si trova nelle fragole, kiwi, in pomodori, peperoni, ma anche in tutti i cavoli e simili oltre a non disperdere minerali e flavonoidi, sostanze che aiutano a combattere gli stati infiammatori. La verdura, oltre al contorno, può essere consumata anche come spuntino da sola o con la frutta estratta in succhi utilizzando l’estrattore, che contrariamente alla centrifuga deteriora meno le vitamine e mantiene più fibre.   

Cereali integrali, sono quelli con il più basso in dice glicemico e aiutano a tenere sotto controllo gli zuccheri, che danneggiano le articolazioni infiammandole e provocando dolore.

Francesca Perego
Consulente in Nutrizione e Nutraceutica, Naturopata
Insieme per la Terra

Pubblicità

Condividi su