Etichettatura: il #silenzio compiacente delle #sindacali

Quando la televisione e i mass media in generale parlano delle nostre sindacali si ha la sensazione di guardare un dipinto del “mulino bianco”. Tutte brave, tutte perfette.
La realtà spesso supera la fantasia. Oggi ne abbiamo le prove!
Sfogliando i siti delle maggiori sindacali ossia Coldiretti, Confagricoltura, Cia e Copagri non troviamo alcun riscontro di quanto è avvenuto nel Senato della Repubblica.

Sito Coldiretti

Sito Coldiretti

Sito Confagricoltura

Sito Confagricoltura

Mente l’emendamento dell’indicazione di origine proposto da Lega e M5S veniva bocciato dal Governo, le sindacali non solo facevano finta di non veder nulla ma hanno proseguito nella loro recita tragicomica. Meglio far finta di lavorare per i propri associati raccontando tante fiabe in TV. Mentre Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia e Vice Presidente Coldiretti, gira per varie piazze lombarde raccontando di quanto sono stati bravi a lanciare il latte della solidarietà, ci si dimentica in Parlamento dell’indicazione di origine da mettere in etichetta. Questa è l’Italia della demagogia e della buffonaggine !

Sito Cia

Sito Cia

Sito Copagri

Sito Copagri

Oggi cosa dicono quegli allevatori sindacali – dipendenti che si nutrivano delle bugie che gli venivano raccontate ? Dove sono coloro che velatamente o meno velatamente annunciavano disastri senza la forza e la copertura sindacale ? Ritenete ancora che le sindacali meritino la vostra fiducia o forse sarebbe meglio abbandonare questi carrozzoni che vivono del nostro sudore ? Tante domane, ma con una sola conclusione. A voi la scelta.

Dr. Nicola Gozzoli
Presidente Insieme per la Terra

Pubblicità

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi