Qualche giorno fa, ho scritto al Servizio Clienti di Pasta Rummo perchè, mosso dalla curiosità della eccellente qualità della loro pasta, volevo sapere come era fatta e con che grani. Oramai ci conoscete, sapete quanto sia importante per noi la qualità e la genuinità di quello che mettiamo nel piatto, ma anche il modo il cui viene fatto. Ecco, se avevate anche Voi qualche dubbio, ve lo togliamo noi, leggete la nostra domanda qui sopra e la loro risposta non anonima, con un semplice “Customer Care” e via, ma firmata con Nome e Cognome, che abbiamo omesso per questioni di privacy.

Domanda:

Buongiorno signori,
in primis, complimenti per la qualità della Vostra pasta, che consumo regolarmente nella mia casa.

In veste di Segretario Generale della Associazione Insieme per la Terra, che in questa email rappresento, vorrei chiedervi conferma sulla provenienza del grano che utilizzate nella Vostra pasta (quella a marchio Rummo) e se c’è differenza da quella a marchio Auchan che producete.

La nostra richiesta è sempre e solo basata sul nostro focus di Associazione: Riconoscere e premiare con la nostra personale esperienza, le aziende italiane che fanno il vero Made in Italy, aiutare e promuovere le eccellenze del nostro territorio anche all’estero e creare una partnership del tutto svincolata dal denaro.

Saremmo veramente lieti di leggerVi in risposta e rinnoviamo i nostri complimenti.

Risposta:

Pregiatissimo Dr. Cappuccio,
tutta la pasta secca prodotta da Rummo S.p.A. è realizzata con il 100% di semola di grano duro prodotta in Italia. Il grano utilizzato dai nostri fornitori può avere origine Italiana, UE o extra UE. Scegliamo sempre la migliore materia prima presente sul mercato certificata all’ origine e controllata ad ogni scarico in modo di garantire la totale salubrità del nostro ingrediente principe ed è questo il motivo per cui non scriviamo la provenienza sulla confezione. I nostri limiti di accettazione sono più restringenti rispetto a quelli previsti dalla legislazione italiana. Del resto senza una eccellente materia prima è impossibile realizzare una pasta eccellente. Si tratta qualità intesa come alto contenuto proteico e glutinico, indice di glutine, granulometria della semola, indice di giallo e così via. In questo momento stiamo utilizzando per la nostra linea premium Lenta Lavorazione un blend di grano italiano ed australiano. La percentuale del mix è variabile e dipende dai riscontri sui parametri qualitativi delle singole semole.

La nostra linea biologica e biologica integrale viene realizzata con il 100% di semola di grano duro coltivato e trasformato in Italia da fornitori qualificati che utilizzano i processi tecnologicamente più avanzati.

Entrambe sono prive di OGM.

Per la pasta a marchio Auchan la rimando al loro servizio qualità.

Inoltre come potrà facilmente verificare, sulle confezioni a marchio Rummo Lenta Lavorazione è presente il simbolo di Bureau Veritas che certifica l’ eccezionale qualità della nostra pasta per la tenacità e resistenza alla masticazione. Ciò significa che ogni lotto di pasta che trova in commercio è stato testato dal punto di vista dimensionale e poi ne è stata misurata la performance in cottura  attraverso analisi sensoriale e l’ utilizzo di uno strumento che simula l’ attività di masticazione del nostro apparato buccale. Il test è effettuato comparando i nostri prodotti con gli omologhi delle marche del segmento premium presente sul mercato. Solo se i risultati di queste analisi sono comprese nel range di certificazione e sanciscono la nostra superiorità sui competitors, il prodotto può essere sbloccato alla vendita.

Questa è una risposta, questo è saper informare il consumatore, questo vuol dire avere consapevolezza che il Marchio da solo non serve se non hai un forte codice etico e morale, a proposito, casomai voleste anche capire cosa vuol dire “onestà intellettuale”, leggetevi il loro Codice Etico che mettono pubblicamente sul sito: http://www.pastarummo.it/it/codice-etico.

Infine, ovviamente prima di pubblicare quanto sopra, abbiamo dovuto chiedere il permesso, che come potrete capire, ci è stato dato, ma la risposta che leggete qui sopra è quella che ci è stata data quando ancora NON era stato chiesto di farne un articolo… Devo aggiungere altro?

Che dire… complimenti!

Mauro Cappuccio
Segretario Generale
Insieme per la Terra

Pubblicità

Condividi su