Tag Archives: Italia

Come oramai tutti voi sapete è nostra consuetudine fare nel giorno di Natale gli auguri di buone feste. In questo periodo storico particolarmente tormentato abbiamo cercato di realizzare iniziative associative e di mettere le basi per progetti a medio lungo termine; da una parte non sono mancate le mille difficoltà organizzative ma dall’altra abbiamo visto crescere, lungo il nostro cammino, la disponibilità di volontari ed amici. A tutti, come Presidente della Fondazione, vorrei dirvi grazie per la vostra umanità, per la vostra pazienza e per il vostro prezioso tempo che avete dedicato a questo piccolo Ente no profit. Non sarà semplice rilanciare e sostenere il settore primario italiano oltre a cercare di rispolverare il senso di Comunità troppo appannato in questa fase storica, ma noi ci siamo e ci saremo con tutte le nostre energie. Perché? Quello che ci spinge ogni giorno è solamente il nostro grande amore per la…

Read more

In Italia, paese con il maggior numero di controlli sanitari nel comparto primario, è ancora argomento di estrema attualità parlare di sicurezza alimentare. Per questo che la Fondazione Insieme per la Terra di Bagnolo San Vito (MN) e la Fondazione ITS Agroalimentare di Mantova hanno dato vita a un seminario teorico pratico in classe con i ragazzi del secondo anno. “Più che sicurezza alimentare oggi, più di ieri, è necessario parlare di cultura della sicurezza alimentare” sostiene Gianpietro Boieri, docente relatore al seminario, tra i maggiori esperti italiani nel settore. “La formazione, punto chiave delle recenti riforme legislative, deve perseguire lo sviluppo di tutte le competenze di ogni addetto secondo metodi comprovati ed efficaci. Formare vuol dire dare una forma nuova e diversa perché l’operatore possa agire rapidamente e con successo. Un sapere che non si traduce nel fare è inutile ed inefficace”. Molto spesso tra gli operatori “si tende…

Read more

Se veramente vogliamo dire la verità, almeno per una volta, e guardare la realtà per come è e non per come vorremmo che fosse, in Italia molte aziende hanno spostato e stanno spostando i propri siti produttivi all’estero. Piccole aziende e grandi marchi, senza se e senza ma, preferiscono Paesi con una minore tassazione e, ovviamente, minori obblighi produttivi. Questo fenomeno che abbiamo imparato a conoscere da tanto tempo non è mai di fatto stato ostacolato dalle Autorità nostrane; semplificazione burocratica, miglioramento delle infrastrutture, premio alla meritocrazia del personale sono stati sostituiti con l’indifferenza politica, ad eccezione del clamore mediatico di un’edizione del telegiornale. La Fondazione Insieme per la Terra non vuole essere un’impresa ma semplicemente un punto di riferimento associativo per tutto il settore primario italiano e, se volete, dell’intera Comunità (termine poco usato ma per noi rappresenta un punto fondamentale). Noi abbiamo deciso di dare, nel nostro piccolo,…

Read more

Questa volta vorrei astenermi dall’esprimervi il mio pensiero, non per timore ma per semplice riprovevole disgusto. Lo ha scuoiato, sezionato e infine arrostito. L’intenzione? Banchettare con il povero cagnolino appena grigliato. La macabra storia arriva dal Centro di accoglienza per migranti di Briatico, a Vibo Valentia, in Calabria. Qui i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti dopo la segnalazione di una volontaria di un’associazione animalista che ha assistito alla scena di un giovane nigeriano 29enne intento ad arrostire un cane. E.M., classe ’88, secondo il Quotidiano del Sud sarebbe dedito a queste pratiche. Il giovane, di fronte alle domande dei militari dell’Arma arrivati al centro migranti, ha negato di aver ucciso volontariamente l’animale. Lo avrebbe trovato morto ai bordi della strada e così avrebbe deciso di scottarlo alla brace, visto che si tratta di un piatto molto apprezzato in Nigeria. La giovane attivista animalista, invece, sarebbe una dipendente del centro…

Read more

Mentre Zonin fa shopping a Milano, mentre le sindacali pensano a dove riporre le proprie natiche sotto il sole grazie ai “sudati” risparmi, mentre i politici persistono nella loro incapacità, la campagna annega nella disperazione. L’Italia delle bugie e l’Italia della realtà. E’ la cooperativa Trisaia di Rotondella ad aver diffuso queste foto il 20 giugno. “Ci sentiamo in dovere di denunciare – comunica la cooperativa Trisaia – uno dei fenomeni più gravi e spaventosi degli ultimi anni. Siamo arrivati davvero a un punto in cui l’agricoltore, che con fatica e sudore si impegna per l’intero anno a coltivare piante al fine di raccogliere e vendere i frutti, deve arrendersi di fronte a un sistema in cui egli non riesce nemmeno più a sostenere se stesso, figuriamoci una famiglia intera”. “Questo perché? Il motivo è molto semplice: l’agricoltura non conta più nulla per nessuno e nessuno si preoccupa di tutto…

Read more

L’articolo pubblicato in data 10 marzo su Teatro Naturale evidenzia chiaramente lo scontro politico ed economico in atto nelle Istituzioni europee per distruggere chiaramente la dieta mediterranea. Sconcertante è la sottomissione che alcuni settori associativi hanno intrapreso, nascondendosi dietro ad inesistenti e fantomatici interessi dei consumatori. Al cittadino europeo l’autorità politica deve garantire, in primis, il diritto alla salute ed alla corretta informazione agroalimentare; non deve essere in alcun modo fuorviato ed ingannato nelle sue scelte alimentari. Coca Cola e Pepsi Co, Mars e Mondelez, Nestlé e Unilever hanno dichiarato il loro appoggio all’etichettatura a semaforo, il ‘traffic lights system’, a suo tempo introdotto su base volontaria dalla GDO britannica col sostegno delle associazioni dei consumatori e poi recepito dall’amministrazione sanitaria d’oltremanica. A rivelarlo è Dario Dongo (Greatitalianfoodtrade): “Nel medio termine, la Commissione europea, col sostegno delle grandi lobby industriali e delle associazioni dei consumatori, potrà considerare i semafori d’oltremanica…

Read more

Mentre la Coldiretti pensa a festeggiare il carnevale italiano, magari con abbondanti degustazioni enogastronomiche, gli associati, travolti dalla svalutazione economica dei propri prodotti, pensano a chiudere la propria attività. D’altronde l’Italia è fatta così: c’è chi ride e chi ha perso anche il sonno perchè non sa come far quadrare i conti. Roma– Il carnevale aiuta a riscoprire le tradizioni locali e stimola il fai da te degli italiani: saranno circa 12 milioni i Kg i dolci tipici consumati in questo week di festa. A segnalare l’andamento di consumo è Coldiretti. Secondo l’organizzazione agricola quasi un italiano su tre (31%) prepara i dolci di carnevale rigorosamente in casa mentre il 41% li acquista dal fornaio o dal pasticcere di fiducia mentre solo il 2% dichiara di acquistare prodotti commerciali già confezionati. Viene segnalato inoltre che, anche per la crescente “attenzione alla forma fisica e alla dieta”, ben il 26% degli…

Read more

Periodicamente portiamo alla Vostra attenzione l’aggiornamento delle tabelle elencanti le nostre stupende eccellenze protette dai marchi DOP, IGT e STG. Il nostro Paese è l’unico al mondo ad avere cotante eccellenze in un territorio così piccolo, questo perchè abbiamo un ambiente unico, senza eguali e con una biodiversità senza paragoni. Elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite (Regolamento UE n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012) (aggiornato al 25 gennaio 2017) Elenco delle DOP, IGP e STG aggiornate al 25/01/2017 Il nostro compito è anche quello di informarvi su tutte le novità e gli aggiornamenti del nostro Settore, cosa che abbiamo mantenuto anche in questo caso, siamo certi che rinnovare la lettura di questo allegato Vi farà piacere. Fonte documento: MIPAAF Mauro Cappuccio Segretario Generale Insieme per la Terra

L’anno scorso eravamo troppo giovani e gli associati erano pochini, i preparativi per il 2016 erano in cantiere ed eravamo freschi di registrazione Partita IVA, con molte spese di avvio, che con i pochi euro sul conto corrente associativo fanno un pò a pugni, così abbiamo pensato di rimandare all’anno successivo. Ma quest’anno la cena di Natale non la potevamo per nulla perdere, così il nostro inarrestabile Presidente Nicola Gozzoli, ha iniziato con grande anticipo ad invitare ed organizzare l’evento. Grazie all’ospitalità dell’Avv. Rosanna Montecchi che ha offerto la sua splendida casa in provincia di Mantova per ospitare l’evento. La compagnia è stata stupenda ed allegra, si è mangiato genuino e sano, solo prodotti della nostra stupenda terra chiamata Italia, roba giunta da diverse zone dello stivale, dalla Calabria, alla Campania, Lombardia, etc. Non è mancato il dolce arrivato da quel di Bergamo, dalle sapienti mani di Anna che ha preparato delle…

Read more

Manco Pierino a scuola, quando la maestra lo prendeva per l’orecchio e lo metteva nell’angolo della classe!! Quando ho preso in visione l’articolo di Agricolae in primis fu stupore, poi amarezza, infine vergogna. Ecco gli spunti di riflessione che vi porto: … la presenza di problemi di conformità e ritardi nell’attuazione di un piano d’azione volto ad ovviare alle carenze nei controlli essenziali sul rispetto dei criteri di riconoscimento. In pratica i conti FEASR dell’organismo pagatore IT26 (ARCEA) sono stralciati per la presenza di “errori rilevanti”. Il saldo finale dei programmi 2007IT06RAT001, 2007IT06RPO001, 2007IT06RPO004, 2007IT06RPO005, 2007IT06RPO006, 2007IT06RPO008, 2007IT06RPO012, 2007IT06RPO013, 2007IT06RPO015, 2007IT06RPO016, 2007IT06RPO017, 2007IT06RPO019, 2007IT06RPO020 e 2007IT06RPO021 del FEASR 2007-2013 dell’organismo pagatore IT01 (AGEA) – si legge a pagina 13 dell’allegato di sintesi della Commissione – non ha potuto essere pagato in quanto i conti annuali del FEASR per l’ultimo esercizio di attuazione (16.10.2014-31.12.2015) non sono stati liquidati. E non solo:…

Read more

10/23